Privacy Policy
30 Nov 2020

Nuovo MB Live 1.66

Questa versione di MB LIVE aggiunge il drag & drop da qualunque lista verso la playlist di trasmissione. In questo modo si possono facilmente trascinare files preferiti, risultati della ricerca, canzoni, files casuali, sequenze orarie o files locali verso la playlist di trasmissione.

Share this
30 Nov 2020

Nuovo MB Studio 8.66

MB STUDIO versione 8.66 è disponibile per Windows 10.

ATTENZIONE: Questa versione di MB STUDIO non è gratuita, prima di procedere al download LEGGERE QUI.

Rispetto alla versione precedente:

  • Interfaccia grafica: modificata INTERFACCIA GRAFICA DELLA PLAYLIST per ottenere rapidita’, facilita’ d’uso, drag & drop da canzoni, sequenze orarie, files casuali, flussi esterni. 
  • Files casuali: è ora possibile inserire manualmente un file in playlist scegliendolo dalla lista dei files casuali.
  • Sequenze orarie: per semplificare la lettura della playlist, le sequenze orarie occupano una sola riga della playlist. E’ possibile scompattare la visualizzazione cliccando l’icona dell’orologio a sinistra. In ogni caso le sequenze orarie si auto-scompattano quando raggiungono la posizione 2 o inferiore della playlist di trasmissione
  • Memoria: corretto un problema che causava perdita di memoria in alcuni sistemi
  • Video: nelle proprieta’ di una canzone è ora possibile scegliere un video sostitutivo dal disco locale oltreche’ da youtube
  • Webcast: è possibile attivare piu’ servers interni funzionanti sulla stessa porta TCP, in questo modo si possono trasmettere piu’ flussi simultanei di differente qualita’ sulla stessa porta TCP.
  • MB SPOT: memorizza la larghezza delle colonne
  • Correzioni e miglioramenti: decine di correzioni di errori della precedente versione e velocizzazione

Il pacchetto di installazione / aggiornamento di MB STUDIO richiede l’inserimento di un codice. Tale codice potrebbe cambiare ad ogni maggiore aggiornamento di MB STUDIO. Ad esempio il codice di installazione della versione 8.65 è diverso da quello della versione 8.64. Il codice seriale è sicuramente lo stesso per tutti gli aggiornamenti della stessa serie (Ad esempio da 8.65.0 a 8.65.9 si potra’ utilizzare sempre lo stesso codice).

 

Come ottenere la password/seriale per l’aggiornamento

Prima di procedere controllare dal menu’ MBstudio \ Licenza

che la data degli aggiornamenti non sia scaduta

Se è scaduta va quindi rinnovata: https://www.newradio.it/client/cart.php?a=add&pid=518

Se la data aggiornamenti è valida è possibile ottenere il codice di installazione scaricando il programma USB DonglePassword sempre dalla vostra area clienti (va scaricato nuovamente ad ogni aggiornamento)

Share this
11 Nov 2020

IP BLOCCATI. Facciamo chiarezza

Dopo la tempesta del weekend che ha visto noi e decine di altre aziende correre disperatamente per risolvere i problemi creati dal blocco degli IP da parte della magistratura di Napoli e dopo aver preso tutte le relative informazioni in merito, possiamo finalmente spiegare con chiarezza quello che è successo da venerdì sera del 6/11 in poi sulla rete italiana.

Da mesi, se non anni, la magistratura di Napoli stava indagando su decine di organizzazioni illecite che tramite una rete di server sparsi in moltissime webfarm europee, distribuiscono illegalmente contenuti video prelevati da piattaforme ufficiali come Netwflix, Sky, Mediaset Premium, canali di calcio etc etc. Queste organizzazioni tramite l’utilizzo di software di IPTV, mettono a disposizione dei loro ‘clienti’ delle liste di contenuti che rendono disponibili migliaia di trasmissioni in video in modo totalmente illegale.

Nella serata di venerdì 6/11 la Guardia di Finanzia, a seguito dell’ordinanza di sequestro firmata da un magistrato di Napoli, ordina ai principali operatori di rete italiani (Fastweb, TIM, Wind3, Vodafone etc.) di bloccare l’accesso in Italia a migliaia di IP di server contenuti in queste liste di servizi abusivi bloccando quindi la fruizione dei contenuti da parte degli utenti abbonati a queste utenze illegali.

La domanda nasce spontanea:
Perchè in questa ondata di sequestri di IP sono finiti dentro anche centinaia di IP di servizi e siti assolutamente regolari e leciti causando il parziale blocco delle trasmissioni in streaming anche di radio e TV assolutamente legali?

La spiegazione è molto semplice. In queste liste di server che vengono distribuite nelle piattaforme IPTV, si trovano sia gli IP abusivi che questi truffatori utilizzano per ritrasmettere contenuti illegalmente, ma anche centinaia di IP pubblici di regolare utilizzo da parte di radio e televisioni in Europa che spesso si ritrovano inserite in queste liste senza neanche esserne a conoscenza. Molte radio e TV pubbliche vengono inserite solo per il gusto di ‘gonfiare’ l’offerta del pacchetto abusivo venduto.

Per questo semplice motivo, gli IP legalmente utilizzati da radio e TV per farsi ascoltare in rete sono stati intercettati in queste liste dalla Guardia di Finanza e messe all’interno di un unico ‘calderone’ da bloccare in modo univoco.

Per colpa di un utilizzo illecito della tecnologia da parte di alcuni soggetti, ne stanno pagando le conseguenze decine di aziende che invece hanno tutto il diritto di utilizare quegli IP e quei server per distribuire i loro contenuti in rete.

Per fare un esempio comprensibile, è come se per bloccare gli indirizzi illeciti contenuti nelle liste IPTV di Sky, Mediaset, Netflix, allo stesso modo venissero sequestrati anche gli stessi indirizzi regolari che invece queste aziende utilizzano per distribuire in modo legittimo i loro programmi. Bloccano i servizi pirata su IPTV e contemporaneamente bloccano la visione dei contenuti anche sulle piattaforme ufficiali dei fornitori di programmi.

Forse sarebbe meglio che le autorità predisposte al controllo, nel fare il loro sacrosanto lavoro per combattere l’illegalità, controllassero meglio la provenienza e la legalità di un indirizzo IP.

Chi pagherà le conseguenze di tutti questi disservizi causati a centinaia di radio, tv, siti ed aziende?

Ma ancor più importante: succederà ancora in futuro?

 

Share this
08 Nov 2020

Oscuramento server su rete italiana

A partire dalla sera del 6 novembre la Guardia di Finanza ha inziato una grossa operazione di sequestro di centinaia di siti internet che mettevano a disposizione contenuti pirata di eventi sportivi, film, piattaforme di streaming con l’utilizzo della tecnologia legata alla IPTV. In poche ora ha richiesto ai provider italiani di oscurare centinaia di indirizzi IP facenti capo a questa organizzazione illegale di distribuzione di contenuti video.

Peccato che nel calderone degli indirizzi segnalati ed oscurati siano finiti anche centinaia di indirizzi IP di siti e piattaforme di aziende italiane assolutamente legali che si sono ritrovate nell’impossibilità di erogare i propri servizi ai propri clienti.  In poche ore anche 8 dei nostri numerosi server di streaming per contenuti di Radio Web sono scomparsi nel nulla nella rete, resi irraggiungibili da un filtro imposto agli operatori Fastweb, Tim e Wind.

Su quello che è successo e sui provvedimenti che verranno presi da moltissime aziende (tra cui la nostra) nei confronti di questo blocco senza senso e senza comunicazione alcuna, se ne parlerà a partire da lunedì con gli organi interessati.

Per i nostri tecnici questo week-end è stata una vera e propria corsa contro il tempo per riuscire a riattivare in qualche modo i servizi oscurati che solo per la nostra azienda sono migliaia.

Attualmente abbiamo temporaneamente tamponato il problema cambiando gli indirizzi IP dei server compromessi dal blocco di Fastweb, TIM e Wind.

I server NR2, NR3, NR4, NR5, NR6, NR7, NR8, NR9 sono tornati raggiungibili a partire dal primo pomeriggio di domenica 8 novembre.

Poichè in questa fase temporanea gli IP sono cambiati, è necessario da parte dei clienti un minimo di attenzione su alcune cose:

Se sui vostri encoder di streaming avete messo l’indirizzo IP numerico (del tipo  123.456.789.123:xxxx, dove xxxx è il numero di porta) probabilmente da rete Fastweb, TIM e Wind non riuscirete a collegarvi al server.
Se sui vostri encoder di streaming avete messo l’indirizzo con Hostname (del tipo  nrX.newradio.it:xxxx, dove xxxx è il numero di porta e X il numero del server) non avrete problemi a collegarvi.

Nel caso abbiate l’indirizzo IP numerico dovete sostituirlo con il nome del server (come del resto è stato sempre da noi consigliato).

Per quanto riguarda invece i player:

Se state utilizzando il nostro player PLAY5 o altri player di nostra produzione non dovete fare nulla.  Funzioneranno correttamente.

Se invece state utilizzando un PLAYER di terze parti, non gestito dalla nostra società, nel caso non dovesse funzionare verificate nel codice del player di star utilizzando l’indirizzo del server e non l’indirizzo IP numerico.

Se avete qualsiasi dubbio o difficoltà non esitate a contattarci tramite ticket postando la vostra configurazione. Vi diremo se è corretta e come cambiarla se necessario.

Ecco la lista degli indirizzi che se utilizzati in modo numerico devono essere cambiati:


Indirizzo IP numerico

hostname da cambiare
178.32.139.167 nr2.newradio.it
178.32.139.184 nr3.newradio.it
178.32.139.86 nr4.newradio.it
178.32.137.180 nr5.newradio.it
94.23.67.172 nr6.newradio.it
176.31.221.98 nr7.newradio.it
178.32.136.9 nr8.newradio.it
178.32.140.82 nr9.newradio.it
   

Ricordatevi che dovrete lasciare inalterata tutta la parte dopo il numero/nomehost (normalmente un :XXXX etc etc sulla destra dell’indirizzo)

Esempio:

Se vi ritrovate su un MBStudio un indirizzo del tipo:  178.32.139.184:1234/stream    dovrete cambiarlo in:  nr3.newradio.it:1234/stream
oppure
Se vi ritrovate su un MBStudio un indirizzo del tipo:  178.32.139.184:1234,1    dovrete cambiarlo in:  nr3.newradio.it:1234,1

Quando nelle prossime ore o giorni verrà sbloccata la situazione e gli IP originali torneranno disponibili, tutto verrà ripristinato come sempre senza dover creare nessun tipo di disservizio.

Ricordiamo che tutti gli altri server e servizi come NR1, NR11, tutti i server Video, NRF1 e tutti gli MB Cloud non sono stati impattati dal blocco e hanno sempre funzionato regolarmente.

Restiamo a disposizione per qualsiasi necessità e chiarimento.

Grazie della vostra comprensione e pazienza.

Newradio Team


Share this
30 Ott 2020

STREAMING VIDEO PER I TUOI EVENTI

In questo periodo dove lo streaming video può diventare una buona alternativa per eventi non organizzabili in luoghi pubblici, Newradio offre alcune soluzioni ottimali per il video a livello professionale.

Oltre ai consueti piani normalmente in listino, sono disponibili piattaforme estremamente performanti per numeri di connessioni contemporanee molto elevate anche con qualità HD o FULL HD

Il DEDICATED VIDEO PRO è una piattaforma cloud dedicata molto potente consigliata a chi deve realizzare più eventi nell’arco di 1 mese e con un numero di utenti limitato a circa 6200 (in HD 720p) e offre:

  • Live streaming in formato mp4/h264
  • Fino a 10 gigabit di banda passante compresa
  • Nessun limite di traffico
  • Utilizzo 24H 7 giorni su 7 (canone mensile tutto compreso)
  • Flusso streaming fino a 4000 kbs (Full HD)
  • Utenti contemporanei: Entro i 10 gigabit di banda (per esempio in qualità HD con bitrate a 1500k fino a 6200 utenti contemporanei garantiti, in qualità FULL HD con bitrate a 4000k fino a 2400 utenti contemporanei garantiti)
  • Transcoding attivo (adattamento dinamico scalare del bitrate sull’utente finale)
  • AutoDJ Video tampone: il sistema, in caso di interruzione di invio del flusso video dalla regia, commuta automaticamente su una playlist video di emergenza caricata sul server.
  • Possibilità di registrazione eventi direttamente su server.
  • Possibilità di agganciare una CDN per eventi che richiedono utenti oltre i limiti della piattaforma dedicata (utenti infiniti con tariffazione a traffico)
  • Opzione Facebook Live: Attiva. (permette di estendere lo stream su Facebook Live, Youtube e Twitch)
  • Statistiche complete in tempo reale e storiche
  • Player HTML5 compreso

Il DEDICATED EVENT PRO è un servizio di streaming cloud basato su CDN consigliato per eventi singoli con un numero di utenti molto alto e senza limiti e offre:

  • Live streaming in formato mp4/h264
  • Nessun limite di banda passante
  • Tariffazione a consumo del traffico dati (oltre ad un canone fisso mensile, al termine di ogni mese viene fatturato il traffico in Gigabyte consumato dagli utenti finali)
  • Flusso streaming fino a 4000 kbs (Full HD)
  • Utenti contemporanei: senza limiti
  • Transcoding attivo (adattamento dinamico scalare del bitrate sull’utente finale)
  • AutoDJ Video tampone: il sistema, in caso di interruzione di invio del flusso video dalla regia, commuta automaticamente su una playlist video di emergenza caricata sul server.
  • Possibilità di registrazione eventi direttamente su server.
  • Opzione Facebook Live: Attiva. (permette di estendere lo stream su Facebook Live, Youtube e Twitch)
  • Statistiche disponibili solo dopo 24 ore su richiesta
  • Player HTML5 compreso

Contattaci per un consiglio sulla soluzione migliore per le tue esigenze e per un preventivo dettagliato.

Share this
20 Set 2020

E’ uscito MB Studio 8.65

E’ disponibile la versione 8.65 di MB Studio che porta, in particolare la versione Video del programma, ad un livello decisamente superiore. In particolare adesso MB Studio non dipende più dalle librerie esterne K-lite ma è completamente indipendente con le librerie di VLC che vengono installate in automatico.

Rispetto alla versione precedente (8.64):

  • Video: nuovo motore video interamente basato sul player VLC
  • Video: gestione di 2 webcam USB o IP CAM CONFIGURAZIONE – VIDEO – WEBCAM
  • Video: cattura del desktop o di una porzione di schermo o di una finestra
  • Video: effetti grafici in tempo reale con la musica CONFIGURAZIONE – VIDEO – EFFETTI GRAFICI
  • Video: gestione banners (foto o video senza audio sovrapposti al video principale) CONFIGURAZIONE – VIDEO – OPZIONI3 – BANNERS
  • Video: visualizzazione automatica testo “Pubblicita'” sugli spot pubblicitari CONFIGURAZIONE – VIDEO – OPZIONI2
  • Video: visualizzazione forma d’onda audio sopra all’orologio
  • Video: pulsante per messa in onda istantanea di un video o foto VIDEO – PANNELLO DI CONTROLLO
  • Video: pannello di controllo per regia manuale VIDEO – PANNELLO DI CONTROLLO
  • Video: posizione video configurabile per ogni oggetto VIDEO – POSIZIONE VIDEO
  • Video: invia shortkey a OBS sia a 32 che a 64 bits
  • Configurazione\Tastiera: è ora possibile assegnare a multiple funzxioni lo stesso tasto o bit
  • CD Audio: modificato il server per il recupero dei titoli del CD da internet
  • Canzoni: ricerca separata dei 3 generi musicali
  • Proprieta’: nelle proprieta’ di qualunque oggetto è possibile modificare la “Durata prevista” (ha effetto solo su Eventi e/o flussi esterni)
  • Correzioni e miglioramenti: decine di correzioni di errori della precedente versione e velocizzazione

Potete scaricare l’aggiornamento alla 8.65 all’interno della vostra area clienti Newradio, sul vostro prodotto MB Studio.
https://www.newradio.it/servizi/clientarea

IMPORTANTE:
Il pacchetto di installazione / aggiornamento di MB STUDIO richiede l’inserimento di un codice. Tale codice potrebbe cambiare ad ogni maggiore aggiornamento di MB STUDIO. Ad esempio il codice di installazione della versione 8.63 è diverso da quello della versione 8.62. Il codice seriale è sicuramente lo stesso per tutti gli aggiornamenti della stessa serie (Ad esempio da 8.63.0 a 8.63.9 si potra’ utilizzare sempre lo stesso codice). In qualsiasi momento è possibile ottenere il codice di installazione scaricando il programma USB DONGLE PASSWORD dalla vostra area clienti Newradio ed eseguendolo.

Share this
15 Apr 2020

MB Studio + MBLive: La diretta da casa è realtà

Si parla tanto in queste ore del telelavoro e della possibilità per le radio di far trasmettere i propri speaker da casa, ma questo spesso risulta una cosa difficile dal punto di vista tecnico.

Le radio e webradio che utilizzano MB Studio hanno da sempre una marcia in più potendo usare il software MBLive per le dirette da esterno.

Ma nelle ultime settimane sono uscite le nuove versione di MB Studio 8.64.5 e MB Live 1.64.5  che hanno veramente portato la diretta remota ad un ulteriore passo in avanti.

Il nuovo MB Live, con il supporto dell’ultimo aggiornamento di MB Studio, rende la possibilità per uno o più speaker di fare il proprio programma da casa un vero gioco da ragazzi.

Da oggi MB Live supporta anche il MULTI SPEAKER: significa che si potranno collegare fino a 9 postazioni MB Live contemporaneamente e trasmettere insieme come se tutti fossero in un unico studio. Ognuno sentirà (oltre al normale ritorno di MB Studio) anche tutti gli altri MB Live in tempo reale senza interferenze. La configurazione multispeaker è automatica e semplicissima.

Per usare MB Live e andare in onda in modo professionale da qualsiasi parte del mondo collegati allo studio centrale è sufficiente avere un PC con windows e un microfono o un mixer USB (nelle nostre guide ve ne consigliamo alcuni modelli già testati e pronti per essere configurati con successo). MB Live è disponibile anche per SmartPhone e tablet Android (con alcune funzioni limitate).

Il nuovo MBLive permette di gestire facilmente da remoto tutto quello che veramente serve per andare in diretta da ovunque:

  • Si vede in tempo reale la schermata di messa in onda con tutti i parametri necessari (ora, durate, intro, outro etc)
  • Si può parlare sulle canzoni, sulle basi e su tutti gli oggetti come se foste in studio ascoltando in tempo reale il ritorno da MBStudio come se aveste una cuffia collegata alla regia.
  • Potete controllare, inserire, spostare canzoni, jingle, basi e qualsiasi elemento disponibile in MBStudio
  • Potete inserire al volo (come se fosse su MBStudio) un file presente sul PC locale.
  • Potete controllare le sequenze orarie ed inserirle manualmente da remoto
  • Potete registrare i voice track da remoto con 1 click
  • La latenza non supera mai i 300/400 millisecondi e si stabilizza normalmente intorno ai 200.
  • Con una buona configurazione non sentirete la vostra voce in ritardo in cuffia.

Insomma uno strumento veramente facile da usare e completo per decentrare il lavoro degli speaker di una radio e permettere, in caso di necessità, di fare le proprie trasmissioni in diretta da casa o da luoghi differenti dallo studio principale.

Con il nuovo MB Live + MB Studio il concetto di SMART WORKING arriva anche nel mondo della radio ad un costo veramente competitivo.

Trasmettere in diretta da remoto con MB Live è talmente semplice e potente che non vorrete più tornare a fare i vostri programmi in studio !

Se usate MBStudio, aggiornatelo all’ultima versione e provate il nuovo MBLive.

Se ancora non avete MB Studio nella vostra radio… cosa aspettate a entrare nel mondo del software di automazione radiofonica più potente, versatile e utilizzato da migliaia e migliaia di radio in tutto il mondo?

MB Studio: Software Regia Automatica Radio e TV

Share this
21 Feb 2020

Nuovo Chrome blocca lo streaming !

Ci risiamo… per l’ennesima volta Google decide di dettare legge sul comportamento in rete imponendo le sue (spesso assurde) regole.

Nella giornata del 19 febbraio è uscito l’aggiornamento alla versione 80 di Chrome che ha portato nuove regole dal punto di vista sicurezza. Nella nuova versione non vengono più tollerati i cosidetti contenuti ‘misti’ cioè tra contenuti con certificato SSL e non. Per i meno preparati i contenuti con certificato SSL sono quelli che hanno un indirizzo che inizia on ‘https’ invece che  ‘http’, ed è proprio quella ‘s’ in più o in meno che fa la differenza.

Se di colpo, dopo l’aggiornamento di Chrome, non riuscite più ad ascoltare la vostra radio in streaming, ecco quello che dovete controllare:

  • Se il vostro sito è in https (in particolare la pagina dove avete il player)
  • Se il nostro player PLAY5 o il vostro player personale è inserito o embeddato in https
  • Se il vostro flusso di streaming (con noi o con altri provider) è in https

Se solo una di queste 3 cose differisce dalle altre, probabilmente la vostra radio non sarà ascoltabile.

In pratica: deve essere o tutto sicuro (https) o tutto non sicuro (http).

Come risolvere?

Se avete un sito in https (oramai è la regola), l’unica soluzione è quella di trasformare in https anche il vostro flusso di streaming. Se già non lo avete fatto in precedenza, dovete chiederne l’attivazione aprendo un ticket nella vostra area clienti Newradio oppure chiamando il nostro servizio clienti.

Dopo l’attivazione del servizio https,
normalmente, se avete il nostro player, tutto verrà risolto automaticamente perchè provvederemo noi a sostituire l’indirizzo corretto sul player dopo l’attivazione del servizio. Dovrete solo fare attenzione di aver ’embeddato’ il codice del player in https.

Se utilizzate un server Shoutcast (1 o 2) l’attivazione del servizio HTTPS comporterà la perdita della geolocalizzazione delle statistiche. Questo perchè la versione di shoutcast 2 che noi utilizziamo (la 2.5, l’unica ancora stabile e priva di brutte sorprese) non supporta nativamente HTTPS.
Sinceramente vi consigliamo, prima o poi, di passare ad un server Icecast. Il passaggio possiamo farlo gratuitamente senza cambiare il vostro indirizzo di streaming. Il vantaggio di un server Icecast è quello di supportare nativamente HTTPS e quindi nessun problema in futuro con la geolocalizzazione delle statistiche.

Se il vostro sito non è in https e per il momento ancora volete mantenerlo in modalità non sicura, dovete controllare che il player non sia embeddato in https (eventualmente togliete la ‘s’ dall’indirizzo) e naturalmente che non abbiate attivato il servizio si streaming in https.

Se avete un sito in https e non avete lo streaming in https, se volete raggirare il problema senza acquistare il servizio di streaming in https potete ricorrere a questo ‘trucchetto’:

Invece di inserire il player sulla pagina del sito, create un popup per il player in modalità non sicura (http) e metteteci il player e lo streaming in http. Il vostro sito sarà sempre in https (per la gioia di Google) ma solo la pagina del player o del popup dovete lasciarla non sicura per poterla ascoltare.

Naturalmente la cosa migliore sarà comunque quella di passare in https tutto quanto nel futuro.

Se non avete ben chiaro il tutto e vi è venuto mal di testa, non esitate a contattarci tramite ticket o telefono e cercheremo di aiutarvi su come risolvere la situazione.

Share this

© 2020 Newradio S.r.l. - P.Iva: 12075981006 - Rea: 1348600 Privacy Policy

Click Me