08 Ago

Unlimited streaming? NO GRAZIE !

Quanti di voi nella ricerca di un servizio di streaming si è scontrato con fornitori che offrono servizi di streaming con ascoltatori illimitati ?  Bene. Queste righe  le stiamo scrivendo per metterti in guardia da chi utilizza la parola ‘illimitato’ come una vera e propria truffa.

La parola ‘Unlimited’ è una parola molto forte nel marketing. Nel mondo del ‘marketing radio’ su Internet, è una parola molto comune: ascoltatori illimitati, larghezza di banda illimitata, spazio per l’autoDJ illimitato etc etc. Ma come cliente devi essere saggio al momento di scegliere la tua compagnia “illimitata”.

Nulla è illimitato. Tutto ha un limite. Molte società pubblicizzano servizi illimitati di ascoltatori, bitrate e spazio disco perché sanno che sembrano essere più attraenti per le persone. Ma in realtà stanno sovracaricando o sovraffollando i server utilizzati per i servizi e questo finirà con prestazioni di qualità inferiore per il tuo server di streaming audio.

Ci sono proprio dei limiti ‘fisici’ che non permettono l’ ‘unlimited’ sui server di streaming. I server sono fondamentalmente dei computer come quello che usi tu abitualmente a casa o in ufficio. Magari molto più grandi e potenti, ma sempre con dei limiti. Ogni server ha una sua connessione di rete, la sua memoria RAM e il suo hard disk. Tutte queste cose sono sempre LIMITATE. Chi ti vuole far credere il contrario sta solo cercando di prenderti in giro sfruttando magari la tua scarsa competenza dal punto di vista tecnologico.
Un esempio? Prendiamo un server ‘classico’ che un service provider normalmente mette a disposizione per un servizio di streaming. Nella migliore delle ipotesi, all’interno di una webfarm media, potrà avere una connessione di rete di massimo 1 gigabit. Basta fare 2 conti: utilizzando un flusso di streaming (Shoutcast o Icecast) a 128 kbs, vediamo che questo server ha la possibilità di servire un massimo di circa 7600 ascoltatori. Ma un server di queste dimensioni ha un costo, quindi la società che fornisce il servizio non può dedicare una intera macchina ad un solo cliente, altrimenti non riuscirebbe ad essere competitiva con il prezzo. Ecco che lo stesso server viene condiviso su più istanze tra decine di clienti differenti. Come vedi se già c’era un limite per un solo cliente, se i clienti diventano 100 il numero degli slot ‘reali’ sono ancora meno.  Sovraccaricando quindi le risorse di un server, molte società giocano sul fatto che la maggior parte delle radio on-line non utilizzeranno MAI tutti gli slot che hanno acquistato e quindi riescono a sovradimensionare il carico. Ma il giorno che una radio ha ‘veramente’ molti ascoltatori cosa succede? Tutte le radio ospitate sulla stessa macchina incominceranno a soffrire di interruzioni e buffering ed i clienti saranno insoddisfatti.

L’overselling è definitivamente qualcosa da evitare! (a meno che non si desideri una cattiva esperienza di streaming audio o se desideri spostare nuovamente  tutto in un secondo momento su un altro provider e perdere l’ip e la porta). I buoni host non sovrasfruttano i server e mantengono i limiti degli utenti suggeriti dal produttore delle macchine per darti un ottimo risultato di servizio efficiente e senza interruzioni o buffering.

Esiste un solo caso di servizio dove la parola ‘unlimited’ può essere ragionevole: lo streaming in HLS.  Il formato HLS basato su server Wowza è un servizio di streaming basato sul protocollo http (infatti è detto anche ‘http streaming’). Questo tipo di servizio non usa un solo server per la diffusione del flusso ma bensì decine e decine di server differenti in una struttura che tecnicamente si chiama CDN (Content Delivery Network). Il flusso di streaming viene suddiviso in migliaia di piccoli pacchetti e ditribuiti su tanti server differenti. Sarà poi il player finale che andrà a ricostruire il flusso originale recuperando ogni singolo pacchetto dai vari punti differenti della rete. In questo caso la disponibilità di connessione è veramente molto alta e performante ed è per questo che è possibile utilizzare il termine ‘unlimite’ anche se pure in questo caso illimitato non è (anche la CDN utilizzata avrà comunque un limite) ma il limite è talmente alto che sarà difficile da raggiungere per una utenza normale. Normalmente chi offre un servizio di streaming in HLS (noi compresi) facciamo pagare non il numero delle connessioni ma bensì il traffico dati consumato. Un po’ come la bolletta della luce: paghi un canone minimo per il servizio e poi paghi quando traffico di dati hai utilizzato con il tuo numero di ascoltatori. Più ascoltano la tua radio… più paghi.

Purtroppo lo streaming classico in Shoutcast ed Icecast non possono utilizzare la tecnologia CDN ed è quindi sottoposto alle leggi della quantità limitata delle singole risorse.

La prossima volta che vedi “Tutto Illimitato”, stanne possibilmente lontano, “Unlimited All” significa solo che la società non si preoccupa della qualità e del servizio. In altre parole è un “vogliamo solo vendere”.  Cerca un’azienda che si preoccupa veramente della qualità del servizio.

Newradio da sempre ha puntato sulla qualità. Da noi non troverai MAI dei servizi di streaming Shoutcast, Icecast o Wowza venduti con la parola ‘unlimited’. Cerchiamo sempre di dimensionare e distribuire i carichi dei server che apriamo per i nostri clienti sulla nostra struttura, senza mai sovracaricare le risorse. Ecco perchè possiamo ‘garantire realmente’ la banda che mettiamo a disposizione per ogni canale online. Questo forse può comportare un costo da noi ritenuto ‘giusto’ per il servizio venduto e non un costo terribilmente basso che significa sicuramente un prodotto che nel tempo potrebbe risultare scadente.  La stessa cosa vale per gli indirizzi IP dei nostri server. Per come è stata costruita la nostra infrastruttura è praticamente impossibile che un IP assegnato ad un server di sreaming venga cambiato negli anni. Questo perchè nessuno dei nostri IP è legato ad una macchina fisica ma bensì è legato al servizio stesso. Anche nel caso di un guasto grave ad un server, l’ IP non cambierà MAI, perchè in pochi secondi lo potremo spostare su un altro server di emergenza o sostitutivo.

Questo certamente non vuole dire che non sia possibile andare oltre ai limiti fisici di una macchina per fornire lo streaming ad una radio che ha migliaia di ascoltatori. Semplicemente noi utilizziamo un sistema realizzato con l’accorpamento di più macchine differenti e server di streaming differenti dove viene distribuito il carico in modo bilanciato, permettendo di raggiungere migliaia e migliaia di diponibilità di ascoltatori ma… SEMPRE con un limite: quello che decidiamo noi in base alla struttura reale.

Non cadere nell’inganno del tutto gratis e senza limiti. Semplicemente non esiste.  Anche Facebook ti sembra gratis… ma in realtà lo paghi profumatamente perchè i tuoi dati personali, le abitudini, il tuo comportamento online, viene tutto tracciato ed utilizzato in rete per venderti prima o poi qualcosa o per manipolarti in futuro quando meno te lo aspetti nelle tue scelte di vita.

Share this